> Media : Discorsi e interviste
29.09.2012 | Quel sentiero può fare da esempio
Nel prossimo consiglio comunale di Lugano si affronterà anche la nostra mozione “Ripristinare a PR il sentiero esistente da Casoro a Figino nel quartiere di Barbengo: l’interesse pubblico deve prevalere”. Si tratta di annullare una decisione, finita per sbaglio nella revisione generale del Piano regolatore di Barbengo: infatti...

segue

Si tratta di annullare una decisione, finita per sbaglio nella revisione generale del Piano regolatore di Barbengo: infatti è stato inserito a PR lo spostamento di un sentiero importante dal punto di vista storico e molto praticato semplicemente per permettere “l’uso più razionale “ di un terreno privato, comunque già edificabile anche nella situazione attuale. La difficile lettura dei piani pubblicati ha fatto sì che gran parte dei cittadini e anche delle autorità non si sia accorta di questa modifica durante le procedure di approvazione del PR: in buona fede non si è data la dovuta importanza al tema. Il tema sembra marginale ma non lo è.
Il nostro Municipio ha infatti annunciato negli scorsi mesi che sta avviando i lavori per arrivare ad un Piano Regolatore unitario per tutto il territorio cittadino, come richiesto anche da diversi atti parlamentari. Esso permetterà alla città non solo di uniformare le regole pianificatorie, oggi differenti in ogni quartiere, ma anche di ricalibrare le zone edificabili, di riordinare il sistema viario – anche quello pedonale e ciclabile - , e di avere un migliore equilibrio fra costruzioni e verde.
Lugano dovrà perciò essere in grado di gestire anche i cambiamenti ed essere pronta ad affrontare le inevitabili discussioni con i proprietari toccati, per preservare l’interesse pubblico, perché il paesaggio e il territorio sono beni preziosi.
Per il sentiero di Figino, Lugano ha la possibilità ora di fare un primo esercizio pratico con l’elaborazione di una variante di poco conto per mantenere la situazione attuale, migliore dal punto di vista paesaggistico e di agibilità da parte dell’utenza.
Avere il coraggio di correggere: questo ci si aspetta dal nuovo piano regolatore di Lugano e questo propone la maggioranza della commissione della pianificazione.
Siamo convinti che si debba dare sostegno alle legittime rivendicazioni della popolazione di Barbengo e confidiamo pertanto che il Consiglio comunale sappia decidere in modo coraggioso e lungimirante.

Le/i mozionanti
Cristina Zanini Barzaghi, Rolf Endriss, Melitta Jalkanen Keller
Lugano CdT 29 settembre 2012