> Media : Discorsi e interviste
12.05.2016 | Ursula die Stapi: la sindaca
Così si intitola la campagna di Ursula per le elezioni comunali della città di Berna, che si terranno il prossimo mese di novembre. In Svizzera tedesca, le elezioni vengono pianificate con larghissimo anticipo. Ursula ha già attivato un bel sito tutto rosa, un profilo Twitter e diverse attività per presentare il suo operato e le sue idee.

continua...

Come tante altre valide donne del PS, Ursula ha iniziato la sua carriera molto giovane e le sue capacità l’hanno portata a poco più di quarant’anni ad ambire alla sedia di sindaco della capitale federale e ad avere grandi esperienze anche in politica nazionale, visto che è già stata per 6 anni la capogruppo socialista del consiglio nazionale.
Dal 2013 è municipale e si occupa di genio civile, servizi urbani, verde e mobilità.
Proprio per la similitudine di dicasteri, anomala per una donna di sinistra, l’avevo contattata due anni fa per organizzare un incontro e discutere sulle loro esperienze in materia di rifiuti, energia e verde. Ursula e i suoi servizi ci hanno organizzato un programma interessante e variato che ha permesso i nostri servizi cittadini di incontrare i loro esperti e di visitare un ecocentro e la nuova centrale energetica del Waldhaus (che produce un terzo della necessaria elettricità e calore della città).
Ursula allora capodicastero da un anno come me, ci ha dedicato quasi tutta la giornata.
In una bella passeggiata a piedi nel centro città dalla sede dei servizi urbani fino alla casa comunale, abbiamo chiacchierato e scambiato tante informazioni preziose sia professionali che politiche, sia private. Abbiamo poi fatto uno spuntino presso la casa comunale, che ha un piccolo giardino alla francese con aiuole miste di fiori e verdure di pro Specie Rara: all’ombra dei tigli della piccola terrazza di Berna che guarda sull’Aare abbiamo scambiato informazioni un po’ su tutto dal bikesharing al problema del taglio degli alberi, dalla difficoltà di essere mamma e politica, di cantieri della nuova linea di tram agli appalti pubblici per gestire gli scarti vegetali, dalle vertenze giuridiche in materia di tassa rifiuti alle “nette Toiletten”.
Ursula merita davvero di diventare sindaca “die Stapi”. Oltre ai temi più spiccioli che sa affrontare in modo pratico, ha delle visioni chiare che potete trovare nel suo sito.
Assieme a Corinne Mauch a Zurigo, il PS avrà quindi l’orgoglio di avere due donne estremamente competenti, capaci e anche simpatiche a capo di due grandi città.
Mentre qui in Ticino dobbiamo ritenerci soddisfatte di non avere perso nelle scorse elezioni e di avere la fortuna di poter sedere ancora nella stanza dei bottoni per continuare faticosamente il nostro lavoro fra cimiteri e altro.
#wirwollenwyss